Formulare ipotesi nella tesi

Le ipotesi nella tua tesi di laurea triennale o magistrale possono rivelarsi molto utili se una determinate previsione riguardo la relazione tra più variabili risulta corretta. Spesso le ipotesi prendono il posto della sotto-domande.

Esempio di ipotesi

Gli studenti del primo anno sono più propensi a seguire le lezioni rispetto agli studenti del secondo anno.

Usare le ipotesi nella tesi di laurea

Se nella tua tesi di laurea triennale o magistrale sono presenti delle ipotesi, tieni a mente questi piccoli accorgimenti.

1. La domanda principale della tesi di laurea non dovrebbe essere un’ipotesi

La domanda principale della tesi di laurea è una “classica” domanda a cui puoi aiutarti a trovare riposta formulando delle ipotesi. In questo caso, le ipotesi prendono il posto e la funzione delle sotto-domande.

2. Condurre una ricerca preliminare

L’ipotesi è un’asserzione che tu credi ritieni essere vera. Per elaborare un asserzione, dovrai prima effettuare delle ricerche. Concentranti sulle informazioni teoriche usate per l’introduzione e il problema dell’elaborato.

3. Creare un quadro concettuale

Usa le tue ricerche come base per creare un quadro concettuale in cui verranno illustrate le tue aspettative riguardo i risultati del tuo studio.

4. Formulare le tue ipotesi

Potrai così trarre le tue ipotesi da quanto presentato nel modello concettuale. Ogni ipotesi nella tua tesi di laurea triennale o magistrale verrà eventualmente discussa in un capitolo separato dell’elaborato.

5. Testare le tue ipotesi

Il prossimo passo sarà quello di testare le ipotesi per scoprire se le aspettative era corrette o meno. Nel caso siano corrette, l’ipotesi nella tua tesi di laurea sarà verificato (o confermato); in caso contrario, l’ipotesi sarà falsificata (o respinta).

Possono essere elaborate ipotesi nulle (H0) o alternative (H1) per facilitare il pro.

Esempio di ipotesi nulle o alternative

H0: Non vi è un collegamento tra sesso e aggressione.

H1: Vi è un collegamento tra sesso e aggressione.

H0: I redditi non influenzano il comportamento dei compratori.

H1: I redditi influenzano il comportamento dei compratori.

H0: Nel linguaggio, non vi è differenza tra persone anziane e giovani.

H1: Nel linguaggio, vi è differenza tra persone anziane e giovani.

Questo articolo è stato utile?
Luca Corrieri

Luca è il classico "fanatico di informazioni" di Scribbr. Scrive articoli che ti aiuteranno a trovare le informazioni più facilmente e che risponderanno a tutte le tue domande. Anche lui è uno studente e frequenta un corso di laurea magistrale in Management Strategico.

Non rischiare di stampare la tua tesi con errori!

I nostri editor professionisti possono aiutarti a perfezionarla.
Info e costi »
Punteggio Trustpilot di 9.8

Lascia una risposta