Citare fonti nel testo seguendo lo Stile APA

Data pubblicazione da Data aggiornamento: 16 settembre 2015

Quando si usa una fonte, è obbligatorio citarla direttamente nel testo. Lo Stile APA ha stabilito una serie di regole al riguardo. In questo articolo spiegheremo passo a passo le regole per citare una fonte all’interno del testo.

Regole basilari per le citazioni nel testo

Bisogna sapere che bisogna citare ogni genere di fonte esattamente usata. Non c’è distinzione tra un libro o un messaggio di Facebook, ad esempio. C’è differenza, invece, tra citare una fonte e parafrasare o riassumere una fonte.

In una citazione all’interno del testo, bisogna sempre riportare l’autore e l’anno di pubblicazione della fonte. Se si cita letteralmente una fonte, allora è necessario indicare anche il numero di pagina della citazione in questione.

In pratica:

  • Parafrasi/riassunto: Author and publication year
  • Citazione: Autore, anno di pubblicazione e numero di pagina

Esempi

Esempio: Citare una fonte nel testo tramite parafrasi o riassunto
Opzione 1: Studi condotti da Scribbr hanno dimostrato la grande necessità di un Generatore APA (Swaen, 2014).
Opzione 2Swaen (2014) afferma che vi è una grande necessità…
Opzione 3: Nel 2014, è sorta la preoccupazione che Swaen avesse dimenticato di pensare…

Attenzione! Quando si usa l’Opzione 1, bisogna sempre mettere la fonte prima del punto finale della frase. Il punto deve sempre seguire il riferimento alla fonte. Inoltre, bisogna sempre mettere la virgola tra l’autore e l’anno di pubblicazione.

Esempio: Citare una fonte nel testo tramite citazione
Opzione 1: Ecco cosa conviene dal piano aziendale: “creare un Generatore APA richiede molto lavoro, ma molti studenti ne trarranno benefici” (Swaen, 2014, pp. 14-15).
Opzione 2: Swaen (2014) afferma che: “creare un Generatore APA richiede molto lavoro, ma molti studenti ne trarranno benefici” (pp. 14-15).
Opzione 3: In 2014, Swaen scrisse che: “creare un Generatore APA richiede molto lavoro, ma molti studenti ne trarranno benefici” (pp. 14-15).

Autori multipli

La fonte è stata scritta da diversi autori? In caso di tre o più autori, le regole sono leggermente diverse. Di seguito spiegheremo le regole passo a passo e concluderemo con una panoramica.

Due autori
Per due autori, si una “&” se il riferimento è posto alla fine della frase, o una “e” se è posto all’interno di essa.

Esempio: 2 autori
Studi condotti da Scribbr hanno dimostrato la grande necessità… (Swaen & Driessen, 2014).
Swaen and Driessen (2014) affermano che vi è una grande necessità…

Tre, quattro o cinque autori
Nel primo riferimento che compare all’interno del testo si indicano tutti gli autori. Nei riferimenti successivi, invece, si indica solo il primo autore seguito da “et al.”

Esempio: Citazione 3-5 autori alla fine del testo
Prima citazione: Studi condotti da Scribbr hanno dimostrato la grande necessità… (Swaen, Driessen & Van Laak, 2014).
Seguenti citazioni: Inoltre, molti studenti ne usufruiscono… (Swaen et al., 2014).
Esempio: Citazione 3-5 autori nel testo
Prima citazione:  Swaen, Driessen e Van Laak (2014) sostengono che sono stati condotti molti studi su questo fenomeno.
Seguenti citazioni: Swaen et al. (2014) si accorgono delle sempre più grandi differenze.
Esempio: Citazione 6 o più autori alla fine del testo
Primo riferimento: Gli autori affermano che le differenze sono sempre più grandi (Swaen et al., 2014).
Seguenti riferimenti: Nonostante queste differenze, l’accordo rimane solido (Swaen et al., 2014).
Esempio: Citazione 6 o più autori nel testo
Prima citazione: Swaen et al. (2014) vedono le differenze divenire sempre più grandi ma rimangono ottimisti.
Seguenti citazioni: Swaen et al. (2014) non solo sono ottimisti, ma hanno intenzione di continuare a pieno regime.

La panoramica completa delle citazioni di autori multipli

Numero di autoriPrima citazione nel teso (parafrasi o riassunto)Seguenti citazioni nel testo (parafrasi o riassunto)*Prima citazione nel teso (citazione)Seguenti citazioni nel testo (citazione)*
1 autore(Swaen, 2014)(Swaen, 2014)(Swaen, 2014, p. 4)(Swaen, 2014, p. 4)
2 autori(Swaen & Driessen, 2014)(Swaen & Driessen, 2014)(Swaen & Driessen, 2014, p. 4)(Swaen & Driessen, 2014, p. 4)
3, 4 o 5 autori(Swaen, Driessen & Van Laak, 2014)(Swaen et al., 2014)(Swaen, Driessen & Van Laak, 2014, p. 4)(Swaen et al., 2014, p. 4)
6 o più autori(Swaen et al., 2014)(Swaen et al., 2014)(Swaen et al., 2014, p. 4)(Swaen et al., 2014, p. 4)

* “Successive citazioni nel testo” significa che, quando si fa riferimento più volte la stessa fonte, a partire dalla seconda citazione si utilizza la forma corta. Vedi gli esempi con 3, 4 o 5 autori.

“Serial comma” e il prefisso nel cognome in inglese

Quando si specifica una fonte ci sono due differenze importanti tra italiano e inglese. In inglese viene utilizzata la “serial comma”. Significa che prima di una “&“ o “and“ viene aggiunta una “virgola“. Inoltre, nella lingua inglese il prefisso nel cognome come “De Rossi“ o “van Persie“ è sconosciuto.

Formattazione delle citazioni seguendo lo Stile APA

Oltre a riportare sempre il numero di pagine della fonte della citazione, lo Stile APA ha regole anche per la formattazione della citazione. Per esempio, vi è differenza tra una citazione di meno di 40 parole e una citazione di più di 40 parole.

Quando non usare il numero di pagina

Spesso le fonti presenti in Internet non hanno numero di pagina. Se la fonte ha un numero del paragrafo, allora bisogna indicare quello invece del numero di pagina. L’abbreviazione per indicare il paragrafo è “para.”.

Esempio: Paragrafo invece del numero di pagina
Ecco cosa conviene dal piano aziendale: “creare un Generatore APA richiede molto lavoro, ma molti studenti ne trarranno benefici” (Swaen, 2014, par. 2).

Tuttavia, nel caso delle fonti su Internet è difficile trovare il numero del paragrafo. Nel caso sia presente un titolo (intestazione) per il testo, bisogna partire dal titolo e contare per determinare il numero del paragrafo da cui è presa la citazione.

Esempio: Paragrafo con titolo invece del numero di pagina
Ecco cosa conviene dal piano aziendale: “creare un Generatore APA richiede molto lavoro, ma molti studenti ne trarranno benefici” (Swaen, 2014, Conclusione, par. 2).

Nel caso il titolo sia troppo lungo, è possibile accorciarlo nel proprio riferimento alla fonte.

Una fonte in una citazione

Quando si cita una fonte nella quale è già presente un secondo riferimento bibliografico, bisogna lasciarlo così come viene riportato nella fonte da noi usata (un riferimento bibliografico indiretto). Non è necessario menzionare questo secondo riferimento tra i nostri riferimenti bibliografici. Qui è presente un’ulteriore spiegazione riguardo questa eccezione.

Eccezioni per la citazioni di fonti nel testo in Stile APA

Durante la stesura del tuo elaborato, potranno capitarti delle eccezione per cui non potranno essere applicate le precedenti regole. APA ha pensato a una regola per ogni eccezione e noi le abbiamo raccolte in una panoramica completa.

Indicare le fonti nei riferimenti bibliografici

Oltre a citare la fonte direttamente nel testo, lo Stile APA prevede che le tutte le fonti utilizzate vengano riportate anche nei riferimenti bibliografici alla fine dell’elaborato.

Questo articolo è stato utile? (il tuo voto è anonimo)
Aggiunta del voto in corso…
Il tuo voto è stato salvato :-)
Hai già votato. Grazie :-)
Un visitatore pensa che questo articolo sia stato utile.

Sei sicuro di non aver commesso plagio?

Tutelati senza che la tua facoltà lo scopra.
Inizia il controllo Anonimo e veloce
Scribbr prof

Articolo di Bas Swaen

Bas è il cofondatore di Scribbr. Bas ama insegnare ed è un esperto scrittore di tesi. Cerca di aiutare gli studenti scrivendo articoli chiari e semplici da comprendere riguardo argomenti più complessi.

Lascia una risposta